Viaggiare col cane

Il 19 marzo ricorre il World sleep day. Per cani e gatti il sonno è fondamentale

Passano quasi un terzo della loro vita a dormire. E proprio come per noi la qualità e la durata del sonno incidono sulla salute e sul benessere psico-fisico.
In occasione della giornata mondiale del sonno, che questo anno ricorre il 19 marzo, l’Ente nazionale protezione animale, l’Enpa, propone un approfondimento su tutto quello che c’è da sapere sul riposo di cani e gatti.
“Troppo spesso – afferma Meir Levy, veterinario Enpa – ci si dimentica della vitale importanza che il ruolo del sonno ha per i nostri amici a quattro zampe. In media un cane adulto dorme solitamente intorno alle 14 ore, uno anziano 18 ore mentre il cucciolo anche 20 ore al giorno. I gatti arrivano fino a 17 ore”.
Dormire bene permette loro di recuperare appieno le energie, consentendo un ottimo funzionamento dell’organismo, di eliminare stress e stanchezza, e incide anche sul buon umore dell’animale.
La prima accortezza è quella di assicurarsi che il posto preferito dal nostro cane o gatto per dormire sia lontano da correnti d’aria, al riparo dal freddo o dal caldo.
La cuccia deve essere comoda, abbastanza grande per permettergli di girarsi e trovare la posizione preferita.
Molto importante è non disturbare mai un animale che dorme.
Chi ha un cane avrà notato e anche fotografato le posizioni più buffe che assume mentre dorme. Posizioni che raccontano molto di lui e di cosa vuole comunicare in quel momento:
La posizione più comune è quella rannicchiata con le zampe raccolte sotto il corpo e la coda raggomitolata che arriva a sfiorare il muso, perfetta per i pisolini, è segno che vuole isolarsi per riposarsi e non ha voglia di interagire con il mondo.
Sul fianco con le zampe distese e il corpo rilassato significa che è nella fase del sonno profondo e che si è abbandonato completamente al riposo. Si sente molto rilassato e confortato dall’ambiente circostante, sicuro di poter dormire tranquillo e di poter tenere bassa la guardia.
A pancia in giù è tipica dei cuccioli, pronti a scattare con i muscoli che non sono totalmente rilassati.
A pancia in su è considerata una posizione molto comoda ed è quella in cui il cane è più vulnerabile perché espone gli arti, la pancia, la gola e gli organi. Secondo gli esperti è tipica dei cani tranquilli, contenti e sicuri di sé, adatta al sonno profondo.
Fonte Enpa
Foto dal web

3 Condivisioni