Crescere con un cane aiuta a contenere l’ansia

Vivere e crescere con un cane aiuta i bambini a contenere l’ansia. Chi cresce con un animale domestico ha meno problemi di chi non ne ha la possibilità. Lo dice un’indagine dell’università dell’Oklaoma, pubblicata sul Preventing Chronic Disease, rivista sulla prevenzione delle malattie croniche.
I cani, stando ai risultati, portano benefici fisici, inducendo i bambini a fare movimento e a diminuire l’incidenza dell’obesità in età infantile, e allo stesso tempo diminuiscono lo sviluppo dell’ansia.
Il campione preso in considerazione riguarda 643 bambini di età media tra i 6 e 7 anni.
Dalla ricerca è emerso che chi ha avuto la possibilità di interagire con un cane ha avuto solo il 12% di possibilità di sviluppare ansia, contro il 21% dei bambini che non hanno un animale domestico.
Il tutto stando ad una serie di dati e considerazioni annottate dai genitori.
I ricercatori spiegano che l’interazione con un cane aiuta molto i bambini nella socializzazione e diminuisce le ansie e i disturbi correlati all’inserimento in un contesto sociale. Se l’esposizione con i cani durante l’infanzia è inversamente proporzionale allo sviluppo di problemi di salute mentale, interazioni positive bambino-cane potrebbero impedire l’evoluzione di questi problemi in veri e propri disturbi, durante la delicata fase dell’adolescenza.
Foto Leah Kelley da www.pexels.com

Niente botti: gli animali domestici hanno paura

No ai botti. Per garantire il benessere degli animali domestici, Enpa ha stilato un decalogo per limitare i rischi, con una serie di consigli semplici e facili da attuare.
• Portare i cani in passeggiata sempre tenendoli al guinzaglio per evitare il pericolo di fuga dovuta a un’inaspettata esplosione: ricordiamo che nei giorni a ridosso del Capodanno vengono sparati fuochi d’artificio di prova in qualsiasi momento della giornata.
• Nel caso il proprio cane non fosse identificato con microchip, assicurarsi che abbia almeno una medaglietta con i dati del padrone nel malaugurato caso di smarrimento. Il microchip è un obbligo di legge e non avere identificato correttamente il proprio cane, con iscrizione all’anagrafe, comporta delle sanzioni.
Lasciare una luce accesa, in modo che al cane non arrivino i bagliori dei fuochi d’artificio e di altri giochi pirici che a volte sono, per gli animali, spaventosi quanto i botti. Non lasciare da soli in casa gli animali, specie se abitualmente si spaventano per i botti: in caso questo non sia possibile, assicurarsi sempre che abbiano uno spazio dove potersi nascondere, come una scatola, una cuccia oppure sotto il letto.
• In ogni caso, per precauzione, abbassare le tapparelle di tutte le finestre per impedire l’ingresso accidentale di bengala o simili che possano rompere un vetro ed entrare in casa provocando principi di incendio.
Alzare il volume della televisione o della radio per attutire il rumore dei botti proveniente dall’esterno.
• Non lasciare animali incustoditi nell’abitacolo della macchina, sia per evitare che possano essere oggetto di furto sia per non metterli in un ambiente chiuso, privo di ripari.
• Considerando che ogni anno in città vengono smarriti numerosi animali a causa dei botti di Capodanno, è bene segnalare tempestivamente l’eventuale fuga alle associazioni protezionistiche, al Canile comunale, agli studi veterinari della zona e raccomandiamo di mettere dei cartelli nella zona in cui l’animale è scappato, ricordando che un animale traumatizzato può anche percorrere molta strada.
Fonte www.enpa.it

Astrodog 2020 le caratteristiche di Fido a seconda della data di nascita

Astro dog: più che di un oroscopo potremmo parlare di caratteristiche dei segni, senza comunque prenderle troppo sul serio, ma sempre con il sorriso.
Il cane Pesci è quasi sensitivo percepisce subito gli stati d’animo degli umani, coccolone all’infinito è capace di grandi affetti. Ama abbaiare: inutile sgridarlo, l’ultima parola, pardon abbaio, è sua. Un cane dalla personalità forte, molto creativo capace di dormire in posizioni impensabili, anche a zampe all’aria. E’ un tornado che avvolge i suoi umani con tanto amore
Ariete: a questo segno appartengono i cani imprevedibili e un po’ ribelli. Hanno un carattere molto tosto riescono sempre a vincerla, anche quando le speranze di riuscire a farla franca sono pochissime. Impetuosi amano correre all’aria aperta e non c’è pioggia, pozzanghera o fango che li trattenga, anzi più si sporcano e più sono contenti. L’ora della pappa è sacra: il piatto deve essere pieno, carne e pasta sono i preferiti.
Il Toro è possessivo, guai a toccare i suoi giochi, geloso e pure goloso, ha una grande dote: l’ubbidienza. Un cane di gran carattere ma capace di ubbidire fedelmente al suo capo branco, all’umano con cui instaura un rapporto di grande amore e devozione. Il pelosetto di questo segno è simpaticamente irruente e con tanta voglia di giocare, capace di travolgere anche il bipede più musone.
Il cane Gemelli è un vero spasso, combina mille guai ma sa farsi perdonare e adorare. E’ festoso, giocherellone e molto intelligente. Capace di rubare, pardon servirsi direttamente dal tavolo, riuscendo a passarla liscia. Non avrete mai prove per dimostrare che è stato lui, visto che è talmente furbo da far sparire anche l’ultima briciola. Ama essere coccolato e gli piace tanto essere al centro dell’attenzione.
Il Cancro è un attore nato. Se il vostro amico a quattro zampe è nato tra il 21 giugno e il 21 luglio, non stupitevi se quando vuole essere preso in braccio piagnucola. Coccolone, affettuoso ama i giardini con fiori e alberi sotto cui scavare buche. Ama il cibo buono e abbondante. Quanto allo sport dategli un bel divano e vedrete che atleta delle dormite sarà, capace di vincere un sacco di medaglie.
Il Leone è il capo branco, se volete andare perfettamente d’accordo con lui ubbiditegli sempre e comunque. Ama essere protagonista e al centro dell’attenzione. Adatto a chi vive in una grande casa con un bel giardino dove scorrazzare. Da cucciolo dimostra subito il suo caratterino pepato. Ama avere un suo spazio privato dove rintanarsi per riposare. Sempre all’erta pronto a scattare ad ogni minimo rumore. Un ottimo esemplare da guardia e non importa quale sia la sua taglia.

Il cane nato sotto il segno della Vergine è prima di tutto vanitoso, vivace, ma paziente. Gradisce stare al centro dell’attenzione ed essere ammirato e coccolato. Le femmine si fanno spazzolare e pettinare come delle vere e proprie star. I maschi amano essere ammirati. Il cibo? Una delle loro passioni. Gli piace l’acqua, dai torrenti ai laghi e nuota perfettamente. A proposito non usa le salviette per asciugarsi ma si scrolla dove capita.
Paziente, ubbidiente, intelligente, affascinante e molto socievole: il cane Bilancia si adatta ad ogni situazione. E’ adatto a stare coi bambini e con gli anziani, visto che riesce ad adattarsi ad ogni situazione e a dare sempre il meglio. Ama la compagnia, gli piacciono le feste e le scampagnate. Il cibo è la sua passione: raramente esagera. Adora passeggiare con il suo umano e andare alla scoperta di nuovi posti.
Lo Scorpione è fedelissimo, ubbidiente quando serve e dispettoso quanto basta. Ha una forte personalità, con furbizia riesce a convincere tutti ad adeguarsi a lui. E’ un cane molto socievole, capace di farsi amare, attratto da braciole e altre delizie da barbecue adora le ossa da sgranocchiare per affilare i denti. Non molla la presa, ottimo per la guardia, capace di lasciare i ladri in mutande. I prati autunnali con tante foglie dove rotolarsi sono il suo sogno.
Il cane Sagittario è molto sportivo, si potrebbe dire che ha sempre lo zaino pronto per una bella passeggiata in montagna o lungo il greto di un torrente, ma anche per un giro in auto. Affabile, ama la compagnia soprattutto dei bambini. Ricordate che di lui ci si può fidare. Pulito e ordinato custodisce con cura i suoi giochi e ama le novità. Ha un udito molto marcato, non riuscirete mai a farla franca, provate ad aprire una scatoletta di carne mentre dorme lo vedrete balzare su quattro zampe in un nano secondo.
Il Capricorno è il tipo duro con un cuore tenero tenerissimo. Prudente, leale e fedele, ma con un bel caratterino pepato. Insomma inutile cercare di comandare un cane di questo segno, è talmente furbo da farvi credere di ubbidire per poi subito rendervi conto che fa ciò che vuole, questo però senza mai perdere il controllo della situazione. Carismatico riesce a tenere tutti ai suoi piedi, pardon zampe.
L’Acquario ama la libertà, starebbe sempre all’aria aperta, anche quando diluvia. Indipendente quanto basta per vivere bene in una casa con giardino. Indipendente quanto basta per decidere come impegnare la giornata, non perde mai un momento, sempre preso com’è a correre e saltare. Quanto al cibo quel che importa è che sia gustoso e abbondante. E’ fedele al suo umano e solitamente è lui a guidarlo.

Il giardino di villa Monastero a Varenna è pet-friendly

Il giardino di villa Monastero a Varenna è pet-friendly: i cani, rispettando le regole della convivenza civile, sono ben accetti nel parco della storica dimora, e possono girare al guinzaglio, sotto la diretta sorveglianza dei loro accompagnatori.
Un ampio giardino, quasi due chilometri sulla riva del lago di Como, ramo lecchese, ricco di specie botaniche particolari e rare, disposte in terrazzamenti che hanno favorito nel tempo l’articolazione del giardino in una sequenza di inquadrature sempre diverse, ma con alcuni elementi ricorrenti. Tra scalette e sbocchi sul lago si possono ammirare statue, porticati e aiuole con giochi cromatici.
Il giardino avrebbe origini piuttosto antiche, come risulta dalle fonti seicentesche e settecentesche, che sottolineano la presenza di specie esotiche per il clima particolarmente mite, per quanto si ha già notizia di coltivazioni di olivo, vite, erbe aromatiche e medicinali già al tempo del monastero cistercense attorno alla fine del XII secolo.
Villa Monastero a Varenna è facilmente raggiungibile da Lecco con la strada provinciale 72, oppure con la Ss36 uscita Bellano. Alla stazione ferroviaria fermano i treni diretti da Milano. Per chi arriva dall’altro ramo del lago c’è il servizio di ferry-boat.
Per informazioni sui costi d’ingresso www.villamonastero.eu

In provincia di Lecco sono 39.700 i cani registrati all’anagrafe

Sul territorio lecchese sono 39.700 i cani registrati all’anagrafe canina.
Nella classifica dei Comuni con maggiore presenza di cani dopo Lecco che ne conta 3.855, c’è Casatenovo con 1.782 esemplari, seguito da Merate con 1.692.
A Colico sono 1.344, a Mandello 1.213, ad Abbadia sono 429, a Lierna 321, a Bellano 417, a Dervio 317, a Oliveto Lario 158, a Varenna 125.
Questo quanto rilevato dall’Ats Brianza.
Dei 39.700 quattro zampe, i meticci sono 12.202, pari al 30,7%, mentre i cani di razza 27.498 ovvero il 69,3%.
La razza più diffusa è il pastore tedesco con 2.303 esemplari, seguita dal setter inglese con 2.081 cani. Sono invece 1.694 i labrador retriever e 1.288 i jack russell terrier. I meno diffusi sono i pastori australiani, i bovari bernesi e pastori maremmani abruzzesi.
Sono 235 i cani in tutta la provincia che si chiamano Rocky, il nome più diffuso tra i maschi, così come Lucky con 230 esemplari, seguito da Jack, Billy, Leo, Zeus, Argo e Black.
Tra le femmine il nome più diffuso è Luna con 507 esemplari, al secondo posto Kira con 388, seguito da Stella, Maya, Birba, Lola, Lilly e Mia.

I consigli di Enpa per proteggere gli animali dal freddo

Arriva l’inverno, e il freddo può essere un grave problema per tutti gli animali, sia selvatici che da affezione.
L’Enpa invita a tenere i propri pet in casa o, comunque, in un luogo caldo e riparato dopo le passeggiate quotidiane, e a considerare che soprattutto i cani a pelo raso possono necessitare di un cappottino.
Se il cane dovesse bagnarsi è fondamentale asciugarne con cura tutto il corpo, specie orecchie e zampe.
E’ meglio non farli stare troppo a contatto con neve e ghiaccio, le basse temperature possono causare principi di assideramento.
Per gli animali selvatici il consiglio è quello di lasciare in giardino, sul balcone o in un luogo riparato, oltre a granaglie una ciotola d’acqua tiepida e pulita.
Se possibile installare piccole mangiatoie per uccelli, per garantire loro un luogo sicuro dove trovare cibo in abbondanza.
Tra gli alimenti più indicati ci sono: le arachidi non salate, i semi di girasole e di zucca, le piccole granaglie, il miglio, i fiocchi di cereali, le croste di formaggio tagliate a cubetti.
Foto www.pexels.com